IL DEBITO INTERVISTA CON BERTOSSI

REGIA: LUCA BERTOSSI 

GENERE: HORROR PARANORMALE

ANNO: 2019

PRODUZIONE: DEEP MIND FILM FACTORY

Bertossi torna alla carica con questo nuovo corto, e lo fa ancora una volta con gusto e personalità dirigendo questo lavoro in modo professionale proponendoci una storia a metà strada fra un dramma nero, ed haunted house, una vicenda molto intima fatta di pochi personaggi tormentati che si odiano fra loro. C’è una casa piena di ricordi da salvare, tre personaggi: Margherita, Veronica e Diego che cercano un difficile accordo, e soprattutto c’è una presenza che infesta ancora la casa, una presenza che aleggia attorno a loro e ci sono segreti di famiglia rivelati da anime erranti che sarebbe stato meglio non sapere. Il montaggio di Bertossi è molto buono, mai frenetico, ogni scena ha sempre la sua giusta durata, il trio Bertossi, Bocus, Zoletto, Reini, firma una sceneggiatura abbastanza semplice che dosa bene i colpi di scena, la regia è sempre attenta a cogliere lo stato d’animo dei personaggi, un’atmosfera tetra, talvolta nebbiosa fatta di vetri che riflettono spettri, cigolii sinistri e possessioni di spiriti inquieti c’è quindi un po’ di tutto il vecchio cinema horror anni ’80: case maledette, spettri, possessioni (non avrebbe guastato una bella seduta spiritica). Bertossi si conferma una piacevole proposta.

Adesso parliamo un po’ con Bertossi:

Dott.Trash: Raccontaci un po’ la genesi di questo cortometraggio…

Bertossi: L’idea del cortometraggio è nata più di un anno fa, grazie a una seduta di brainstorming con Sebastiano Zoletto, un mio amico attore che aveva già recitato in diversi cortometraggi e che saluto. Successivamente abbiamo accantonato il progetto, per affrontarne altri e l’ho ripreso un anno dopo con Massimo Bocus, mio fidato collaboratore e direttore della fotografia dei miei cortometraggi da “Io Non Le Credo” in poi. Con lui ho steso il soggetto definitivo ed il trattamento. La sceneggiatura ho voluto affidarla a Furio Reini, sceneggiatore e amico di Pordenone, ex compagno di corsi di studi. Sapevo che era bravo e che avrebbe fatto un buon lavoro. Mentre lo scrittore Emiliano Grisostolo si è occupato della revisione

Dott.Trash: Personalmente l’ho trovata una storia molto torbida con alcuni momenti che ricalcano vagamente i vecchi film sulle case maledette, la casa che da luogo accogliente per eccellenza diventa dimora di oscure presenze…

Bertossi: L’idea che ti sei fatto del corto è in linea con quello che volevamo raccontare, una storia dove l’orrore non sta solo nel paranormale, ma soprattutto nei segreti di una famiglia che non c’è più.

Dott.Trash: Nella recensione ho scritto che non avrebbe sfigurato neppure una bella seduta spiritica, ti è mai passato per la mente di inserire in questo corto una sequenza del genere?

Bertossi: Per la seduta spiritica sarebbe stato bello inserirla ma abbiamo dovuto tagliare 7 minuti di scene e quindi forse è andata bene così, in realtà nei miei cortometraggi non ho mai messo una seduta spiritica, potrebbe essere uno spunto per qualche prossimo progetto!

Dott.Trash: La musica mi sembra molto in linea con le atmosfere, una cosa molto ambient, più che una colonna sonora quasi un gelido tappeto di sensazioni, concordi?

Bertossi: La colonna sonora, è realizzata assieme al sound design, mixing e mastering, da Simon Hurts, che lavora a Londra. Secondo me era importante lavorare più sui suoni e meno su una colonna sonora strumentale per dare l’atmosfera giusta al film.

Dott.Trash: ho notato che la sceneggiatura è stata il frutto di una scrittura fra te, Bocus e Zoletto, com’è stata questa collaborazione?

Bertossi: Ci sono state diverse collaborazioni in questo film, grazie all’associazione Attivamente Italia e agli Sponsor, ai nostri collaboratori della Deep Mind Film Factory e ad un crowdfunding realizzato sulla piattaforma “Eppela” grazie alla quale Mario Lanzi è entrato in produzione. Un ultima cosa, il cortometraggio entrerà a far parte del film antologico horror “After Midnight 2The Evil Building” Ti ringrazio per lo spazio concesso e un saluto a tutti i lettori!

 

 

Leave a Comment

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca