SINE DUBITATIONE INTERVISTA CON TOTARO

REGIA: RAFFAELE TOTARO

ATTORI: RAFFAELEL TOTARO, EDOARDO RIPOLI

REPERIBILITÀ: SI TROVA SU YOU TUBE

GENERE: THRILLER

ANNO: 2019

Raffaele Totaro ci propone questo corto piuttosto impegnato girato tutto negli interni di una chiesa, dove i protagonisti si incontrano (e scontrano) all’interno di un confessionale, posto per eccellenza dove raccontare peccati e segreti inconfessabili. L’atmosfera è molto intimista, vene data molta importanza ai dialoghi (ben curati) e la piccola storia riserva anche un colpo di scena finale  ben studiato che fà riflettere.  Il nostro prete troverà nel confessionale un padre piuttosto incazzato che gli rivolge pesanti accuse di abusi armato di pistola. Lo spettatore data la scottante tematica degli abusi della chiesa farà sicuramente il tifo per il padre vendicatore, e qui mi sembra che il meccanismo identificativo funzioni bene, si crea una certa tensione fra questi due personaggi  che si scontrano fino ad un triste epilogo dove ci attende una “sorpresa” che rimescola le carte in tavola. Un cortometraggio semplice ma ben costruito che con soli due attori mette in scena un dramma tinto di thriller dove dubbio e verità si rincorrono nello spazio ristretto di un confessionale.

Adesso cari amici facciamo quattro chiacchere con Raffaele Totaro il regista ed ideatore di questo progetto:

Dott Trash: Com’è nata l’idea per questo cortometraggio?

R. Totaro: Era un’idea che avevo da tempo quella di raccontare una storia che parlasse di un tema particolare. Purtroppo quanto raccontato è successo molte, troppe volte e questo mi ha dato lo spunto per il tema scottante

Dott Trash: “Sine…” sembra avere un’atmosfera molto intimista rafforzata dalle sequenze nelle spazio chiuso del confessionale, concordi?

R. Totaro:  “si concordo. È un’idea registica voluta quella, come dici tu, di dargli un’atmosfera intimista come il momento della confessione è. Per questo avevo bisogno di riprese chiuse, spazi chiusi. In questo mi sono stati di grande aiuto l’operatore Mike Ricci e il direttore della fotografia Lorenzo Petrognani. “

Dott Trash: “Sine…” sembra andare oltre le tematiche di accuse al marcio che c’è nella chiesa, anzi usa queste tematiche per disorientare lo spettatore portandolo su altri lidi sempre di attualità come l’orientamento sessuale gay, ti piace affrontare temi d’attualità piuttosto che il mero intrattenimento fine a se stesso?

R. Totaro: “come attore mi piace affrontare vari temi, compreso quelli più divertenti e ludici. Come regista prediligo i temi di attualità, spesso scomodi. Anche se il mio compito non è dare risposte, semmai fare domande. Per questo in Sine dubitatione non do certezze, non cerco colpevoli. Cerco di distogliere lo spettatore portandolo su altri temi

Dott.Trash: Avete avuto difficoltà a girare in chiesa? 

R. Totaro: per il tema trattato si abbiamo avuto non poche difficoltà. Solo il grande lavoro della produttrice esecutiva Annalisa Papa ci ha permesso di avere una chiesa che altrimenti ci era stata negata da più parti”

 

Ringrazio Totaro per l’intervista.

Leave a Comment

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca