Benvenuti nel mio blog dedicato al trash e all’horror

popcornCiao amici, e benvenuti nel mio blog!!!! Allora…. penso che una presentazione sia doverosa. Sono stato fin da ragazzino un grande appassionato di cinema horror, mi ricordo quando andavo nelle videoteche (ormai quasi scomparse, data la diffusione del maledetto streaming) della mia città alla ricerca di horror spesso vietati ai minori, e dovevo quasi litigare col gestore perché non voleva darmeli.

L’horror rappresentava per me il cinema “proibito” carico di un alone di mistero, un culto per pochi, un universo di film spesso bistrattati, ignorati, offesi da quei critici di cinema con la puzza sotto al naso, che vedevano in essi solo “spazzatura” trash appunto.

Dopo essermi fatto una cultura sull’horror in generale, ed essendo un lettore appassionato di fumetti, un bel giorno stavo sfogliando un almanacco della paura di Dylan Dog e lessi un articolino che parlava di alcuni fra gli horror peggio realizzati di tutti  tempi, l’articolo citava anche un regista americano tale Andy Milligan, definendolo “un ex contabile passato alla regia specializzato in prodotti a costo misero”. Quello fu per me l’inizio della mia avventura nel mondo del trash, come ho già detto prima l’horror mi era sempre piaciuto, ma di trash avevo visto solo qualche filmetto di serie b, ignoravo del tutto o quasi l’esistenza di film veramente di serie Z o comunque di basso livello.

Così incuriosito appunto dall’articolo mi imposi di riuscire a trovare almeno alcuni dei film citati, l’impresa non fu facile, mi accorsi subito che spesso questo genere di film sono di bassa reperibilità, così dopo alcuni tentativi andati a vuoto mi recai nella videoteca più grande della mia città (2 piani zeppi di film di ogni genere) e ovviamente mi recai nel reparto horror pieno zeppo di VHS (eh si stiamo parlando  del 1998 di quando ancora le videoteche tenevano le mitiche “cassette”) . In quel reparto mi si aprì un mondo, ero veramente incuriosito dai  titoli deliranti di alcuni film (tipo: non aprite prima di natale, non pendete quel metrò, l’impero delle termiti giganti, e altri ancora) finchè l’occhio mi cadde su una VHS che sulla costola recava un titolo a caratteri sanguinanti: “Macellai” di Andy Milligan. ovviamente noleggiai subito quella cassetta,  e sul bus non vedevo l’ora di arrivare a casa per visionarla.

Arrivato a casa cominciai la visione, e rimasi sbalordito da quelle immagini, da quegli attori incapaci, da quella recitazione talmente brutta da risultare surreale, ma anche da quell’atmosfera morbosa e da quegli effetti splatter talmente malfatti da potersi definire carnevaleschi (una su tutte la scena iniziale in cui a un certo punto viene amputata una mano con una mannaia e anche il più disattento degli spettatori noterà che è di plastica ).

Insomma da li insieme ad altri amici (e anche grazie alla fortuna di avere una videoteca così fornita nella mia città) cominciai a noleggiare assiduamente film trash da vedere il sabato sera con alcuni amici. Ma devo dire che la ricerca dei film trash per me passava anche da internet attraverso forum di collezionisti e appassionati con cui scambiare materiale, visto che per molti film è impossibile avere il dvd (per il semplice fatto che non sono mai stati editati in dvd) e le VHS spesso introvabili venivano vendute a prezzi esorbitanti.

Adesso dispongo di una vasta collezione di film e così ho deciso di aprire questo blog che si rivolge ai neofiti ed appassionati

Scritto da

Scrivi il tuo Commento

Start typing and press Enter to search